domenica 6 ottobre 2013

Isolare e debellare il male maggiore.



Mi rendo conto che ultimamente sono diventato monotematico, vorrei tanto tornare quanto prima ad intrattenervi con le mie amate corbellerie, ma questo è lo stato delle cose.
Penso che quando esiste un serio problema personale, nella famiglia o nella vita, questo debba essere affrontato cercando di risolverlo.
Io ho diversi problemi ultimamente da risolvere, ma tutti sono causati da uno in particolare. L'origine dei miei mali, nasce in un periodo storico che accomuna tante persone come me, che si sono trovate emarginate e tradite da uno Stato italiano che ha distrutto il bene e il sentire comune, a tutti i livelli sociali. Questa fine apparentemente ineluttabile, non mi ha sconfitto, ma  ha aperto ancora di più la mia sensibilità e determinazione nell'affrontare la realtà. Questo mia logica analisi mi ha portato ad individuare il male maggiore, e conseguentemente a cercarne la cura. La soluzione di questo sfacelo morale, politico, sociale ed economico, deve partire dalla consapevolezza di tutti che il male deve essere isolato e debellato.
Il mio contributo alla cura del male è una certezza che si racchiude nelle parole di un nostro vecchio saggio, un illustre italiano che anche da diversamente giovane è capace di dire: "Berlusconi è un bugiardo, segue gli umori, non ha alcuna visione del bene comune, odia lo Stato e le istituzioni, è un fantastico venditore di frottole, posseduto da un narcisismo finto spinto all'egolatria" (Eugenio Scalfari 6/10/2013)