martedì 23 aprile 2013

Evoluzione della politica italiana. Parte 3

Cari Italiani, care Italiane,
e con viva e vibrante insoddisfazione che vi faccio questo resoconto di mie considerazioni sulla politica italiana.

Qui comincia prepotentemente il capitolo Grillo, che condizionerà le scelte del Movimento fino ad un ineluttabile e disastroso destino



18/03/2013
Grillo ci dice che siamo impresentabili, che la Boldrini e Grasso sono due foglie di fico, che i senatori traditori del tuo delirio devono dimettersi....e tante altre storielle su questo tono predicadittatoriale. Io gli rispondo: Hai creato un movimento dal nulla, cavalcando la protesta e la sete di giustizia, hai aperto la strada a nuove figure politiche, giovani e  incensurate. Ora che i tuoi eletti possono dimostrarti di aver capito e si stanno adoperando per raggiungere l'obbiettivo del cambiamento, tu imponi dall'alto il tuo potere, metti veti, e fai scomuniche, giochi sulla pelle di un paese allo stremo..... Caro doktor Grillofrankestein, la tua creatura ha una vita propria e per fortuna ne il tuo cuore e soprattutto ne il tuo cervello!



20/03/2013

Più che Grillo (Brillo), un istintivo, un comico anche intelligente, un invasato, una mente fulminata...bisogna tenere d'occhio il suo burattinaio: Casaleggio e la sua potente società di web marketing, li c'è la risposta terribile a quello che sta accadendo!


31/03/2013

I saggi di Napolitano sono una sorpresa pasquale come nelle uova dei discount....monnezza. Solo discutere con Quagliariello, mette i brividi, per non parlare di Violante. La storia ricorderà questo periodo come la grande occasione persa dai grillini per cambiare in meglio l'Italia, ora ci attende una lunga e dolorosa miseria nella disperazione, speriamo di uscirne vivi!





3/04/2013

Grillo dice al primo punto del suo furbesco vademecum "perché hai votato il movimento 5 stelle?".
Il richiamo all'ordine è partito, sente aria di smobilitazione tra i suoi discepoli. Dopo la diretta in streaming con Bersani, questo è il secondo atto di debolezza dell'apparato, costruito in laboratorio dalla Casaleggio Associati e Grillo Dissociato. Ormai non si fidano più della loro creatura e cercano continue "briglie psicologiche" per domare il Movimento in movimento.
Alcuni parlamentari cominciano a perdere l'orientamento, vedono la stella polare offuscarsi e cambiare forma, da pentapuntuta a uncinata. Naturalmente la mia è una forzatura paradossale, ma la dinamiche che si stanno verificando ricordano l'inizio di un periodo vergognoso e non molto lontano della storia mondiale.
Voglio essere positivo, credo ancora nella buona volontà e negli ideali di cambiamento degli eletti pentastellati, credo che i dubbi e la ragione che si stanno insinuando nella loro testa, cominci a metterli davanti alle proprie responsabilità di Cittadini Italiani che hanno il mandato popolare per risolvere e risollevare la vita di un paese allo sbando. Credo che la cooperazione tra persone perbene può veramente cambiare il mondo politico italiano. Basta avere un po' di fiducia verso chi gli tende la mano, dimenticarsi le frasette di indottrinamento del tipo "sono tutti uguali", e guardare l'altro non come un nemico ma come un compagno di viaggio, un viaggio durissimo pieno di difficoltà. Un viaggio verso la liberazione di un popolo dimenticato.
Ricordatevi un'altra lezione, questa si positiva che la storia ci ha insegnato "IL POPOLO UNITO NON SARA' MAI VINTO!"


5/04/2013
La più grande bugia elettorale di Grillo:Uno vale Uno!
Per quello lo ha chiamato Mo vi mento!
Ora che anche i sassi hanno capito il trucchetto del duo acrobatico Grill & Leggio, i neo eletti dovrebbero trarre le naturali conclusioni, salutare il duo per il numero da circo e cominciare a rimboccarsi le maniche con chi la pensa come loro. Tutti insieme valiamo tanto di più!

Pare Che alla Casaleggio Associati per entrare negli Uffici, bisogna prima Farsi Il Segno della croce uncinata bagnandosi nell'acquasantiera al bergamotto. La disciplina innanzi tutto!


9/04/2013
L'agriturismo "la quiete" ha partorito la nuova parola d'ordine: "Commissioni parlamentari". I grilletti, come un sol ovino, cavalcano l'ennesimo fuoco di paglia. Siccome non hanno le palle, si coprono la zona genitale con le classiche foglie di fico! (chi di foglie di fico ferisce, di foglie di fico perisce!). Per restare nell'ambiente bucolico, possiamo dire, che il cane pastore ligure calato a Roma, ha radunato le pecorelle che cagavano da sole. Al pastore ligure, piace decidere su tutto, soprattutto sulle stronzate!


13/04/2013
Il Piduelle con la voce del suo gran maestro Silvio Berlusconi, ha cominciato a pretendere per il suo ritorno al potere le seguenti garanzie riportate in ordine cronologico:
- Il presidente della repubblica Berlusconi o Gianni Letta. - NO!
- Un presidente della repubblica espressione della destra. - NO!
- Un ministro della giustizia del PdL. - NO!
- Un governo di larghe intese con appoggio ad un candidato del PD. - NO!
- Un governo con il PdL con incarico a Bersani. - NO!
- Un governo del PD con qualche ministro del PdL. - NO!
- Un governo del PD e PdL con presidente della repubblica Bersani. - NO!
- Un Governo Bersani con esecutivo PD e qualche sottosegretario del PdL. -NO!
Insomma per farla breve, il gran maestro Berlusconi, non ha ancora capito che il PD di Bersani non lo salverà più come in passato. Provi con Renzi o Franceschini, che sono più sensibili e malleabili, ma la smetta di romperci i coglioni. Bersani con tutti i difetti del mondo che ha, è una persona onesta e di buon senso, è consapevole, perché ascolta la sua base, che la strada è segnata. Moriremo...ma non più Berlusconiani!


16/04/2013
A scanso di equivoci voglio dire che Milena Gabanelli è un'ottima giornalista, coraggiosa, chiara e a suo modo rivoluzionaria. Candidarla come presidente della Repubblica Italiana mi sembra fuori luogo e fuori ruolo. La stessa cosa penso dell'ottima persona che è Gino Strada, secondo arrivato. Ora però mi chiedo, ma il partito dello streaming, della trasparenza, della democrazia liquida dove è finito? hanno fatto due turni di votazioni online, di cui il primo annullato per intrusioni hacker e il secondo come risultato finale una lista, a mio modo bellissima, fonte della base del M5S. Sarebbe stato cristallino da parte del gestore della votazione, dichiarare la percentuale dei singoli candidati e non un elenco in ordine alfabetico. Questo perché, se la base conta, allora facciamolo palesare a tutti gli iscritti e non. Nascondendo questo dato, le teste pensanti del mo vi mento, hanno potuto fare quello che più gli aggrada, cioè aggiustarsi il loro candidato ideale per i propri scopi oscuri. Ribadisco, la Gabanelli e Strada, li metterei ad occhi chiusi in un qualsiasi governo di cambiamento rivoluzionario, magari nel ruolo più consono e incisivo alle loro peculiarità. Catapultati ai primi due posti della graduatoria, mi sa tanto di piano preordinato per continuare a tenere lontana la soluzione positiva del prossimo governo. Conoscendo il curriculum di Casaleggio & Co, il dubbio che abbia manipolato i dati, è quasi vicino al 100%. Era più limpido prendere i primi tre candidati arrivati al primo turno delle selezioni della base e su quei tre nomi fare un secondo turno, naturalmente in modo verificabile, ma questo è. Stiamo ancora qui a discutere coi Grillini che la democrazia è un 'altra cosa, non ci stancheremo mai di dirglielo, lo diciamo a voce alta perché fa bene anche a noi ricordarcelo.